Un saluto da Enrico... « Dio dell'immagine e dell'apparenza, salva l'effimero più dell'essenza » (Frankenstein - Enrico Ruggeri) admin panel
close ×
+
all_in

ALL IN (l’ultima follia di Enrico Ruggeri)

Band :
Titolo : All in (l'ultima follia di Enrico Ruggeri)
Release Date : 30 gennaio 2009
Label :
Format : CD

All In (l’ultima follia di Enrico Ruggeri)  2009

L’album è un cofanetto con tre dischi, ciascuno dedicato ad uno specifico progetto, che avrebbero potuto essere pubblicati anche separatamente, a pochi mesi di distanza l’uno dall’altro, ma che l’artista, data l’attuale situazione del mercato discografico, ha preferito accorpare in un unico album. Il primo CD, intitolato World show, è il rifacimento integrale di Rock show, precedente album di Enrico Ruggeri, pubblicato nel 2008, in cui ciascun brano è stato riproposto in una nuova veste e ricantato con la collaborazione di cantanti italiani ed internazionali, in alcuni casi traducendo o riadattando parte del testo originario nella lingua dell’ospite coinvolto. Oltre ad alcuni noti cantanti italiani (Gennaro Cosmo Parlato, Davide Van de Sfroos e Andrea Mirò) e a due collaboratori storici di Ruggeri (Luigi Schiavone e Dario Gay), l’album vede la partecipazione di due artisti italiani (Alberto “Napo” Napolitano e il quartetto Klez Gang) e di quattro artisti internazionali (Jocelyn Mayor francese, Siloé De Izan spagnola, Ima canadese e Nicole Verstappen) non ancora noti al grande pubblico e conosciuti dal cantante attraverso la rete Internet ed in particolare tramite il sito di social network MySpace. Il disco si apre con un inedito, Ripartire da zero, un brano cantato dal solo Ruggeri che avrebbe dovuto anch’esso far parte del precedente album Rock show ma che alla fine era stato escluso. Il disco si chiude con Il giorno del blackout, brano molto discusso del precedente album, per il quale il cantante fu anche criticato dal mondo di Internet[2], in cui l’artista ipotizza un mondo nel quale ad un certo punto Internet scompare. Nella coda finale del brano interviene, come ospite d’eccezione, Pico, figlio primogenito di Enrico Ruggeri, al suo debutto discografico con un rap da lui scritto in cui sviluppa ulteriormente il tema alla base de Il giorno del blackout: l’incomunicabilità e la freddezza dei rapporti nati e mantenuti esclusivamente attraverso il computer senza un contatto fisico diretto. Il secondo CD, intitolato Incontri, è un album di cover in cui il cantautore presenta una raccolta di brani, da lui molto amati ed apprezzati, di altri cantanti, sia italiani che stranieri. Le canzoni, interpretate ed eseguite durante la partecipazione a concerti di altri artisti, sono state tutte registrate dal vivo, alcune con l’accompagnamento di un’orchestra sinfonica. Unica eccezione alla filosofia di questo secondo disco è la prima traccia, Incontri (Dimmi quand’è). Il brano inedito composto da Francesco Vitaloni, vede la collaborazione di Ruggeri nella stesura del testo e, a differenza degli altri, è stato registrata in studio. Questa versione è il completamento e la stesura definitiva di un precedente brano, pensato fin dall’inizio per diventare una canzone, la cui composizione fu interrotta dopo che la parte musicale fu scelta per diventare il jingle di un noto spot pubblicitario per l’Amaro Averna. Il terzo CD, intitolato Volata finale, è la colonna sonora inedita realizzata da Ruggeri per East West East – Volata finale, film del regista albanese Gjergj Xhuvani. Il disco contiene tutte le musiche realizzate per il film, comprese alcune parti che non furono inserite nel montaggio definitivo.I brani, in parte realizzati assieme ad Andrea Mirò e a Luigi Schiavone, sono tutti strumentali tranne la prima traccia, Volata finale, una canzone con musica e testo scritti da Ruggeri, cantata dallo stesso artista. La canzone è riproposta, inoltre, in chiusura al disco, col titolo Fluturimi i fundit, in una versione bilingue in duetto con l’artista albanese Elsa Lila, cantata da entrambi in parte in italiano e in parte in albanese. La terza traccia del disco, In corsa, è la versione solo strumentale della canzone Volata finale mentre molti degli altri brani strumentali vedono la riproposizione di un medesimo tema musicale ma suonato ed arrangiato in modi diversi.